lunedì, giugno 13, 2005

La maggioranza muta

http://citarsiaddosso.blogspot.com Posted by Hello


Essere senza parole è brutto di per sé. Significa non avere argomenti, non saper cosa dire o forse nel peggiore dei casi non aver nulla da dire. Appartenere a qualcosa o a qualcuno invece credo sia una cosa bellissima, significa essere a casa, riconoscersi, avere un sentire comune. Essere vivi, essere uomini.

Ha vinto il silenzio, ha vinto chi non ha voce, chi non ha idee, chi è andato al mare, chi è rimasto a casa, chi non ha avuto il coraggio delle proprie azioni, i bigotti, i moralisti, i benpensanti, quelli che decidono per gli altri, i corvi, i mediocri, quelli che si riempiono la bocca con parole di cui non sono all’altezza, quelli che quando usano la parola democrazia balbettano, quelli che la parola libertà gli si incaglia tra i denti, quelli che demandano ad altri, quelli che non sanno, quelli che non vogliono sapere, quelli che dopo parleranno lo stesso, quelli che forse…, quelli che a mezz’ora dalla chiusura del seggio non sanno ancora cosa votare, quelli senza coscienza, quelli che “la politica fa schifo”, quelli che “che palle cò sti refrendum”, quelli che “ma la gente che ne sa di certe cose”, quelli che pensare costa fatica, quelli che “l’embrione è vita” e poi sono per la pena di morte, quelli che “la costituzione lo permette” e la costituzione la fanno a pezzi ogni giorno, quelli che non ascoltano, gli stolti, i qualunquisti, quelli che “tanto son tutti uguali”, quelli che se ne fregano, quelli che i quesiti non li hanno nemmeno letti, quelli che li hanno letti e non li hanno capiti, quelli che hanno fatto finta di non capirli, quelli con la mano davanti agli occhi e quelli con la mano davanti alla bocca. Tutti, tutti loro hanno vinto. Hanno vinto nel silenzio delle case, sotto gli ombrelloni, davanti alla tv, in un bar, in un letto. In silenzio senza parole, senza coscienza civile, morale, politica.Perchè chi non da voce alle proprie idee non ha coscienza, chi non ha coscienza non esiste. Hanno vinto così. Hanno vinto, ed io mi vergogno di vivere in questo paese insieme a loro. Mi fanno schifo.

“…mamma posso fare il bagno?” “no amore che hai mangiato il timballo, il panino col tonno, i pomodori col riso, le polpette col sugo i cannelloni e la crostata con la ricotta il maxibon e poi lo vedi che hai tutte le labbra viola?” “…oh, ma lo hai visto valentino rossi? Li ha sverniciati tutti..” “..certo che la Ferrari quest’anno… ma la Roma chi compra?…” “…Jessicaa!! vieni che ti metto la crema, sei tutta rossa come nà mazzancolla…” “…No a papà il castello di sabbia dopo, che adesso devo dormire, me so fatto tutta la fettuccia de Terracina col pattino io…” “…papà che vuol dire coscienza civile?...” “tesoro è un po difficile da spiegare, o voi er gelato?” “..e libertà ?..” “ma così su du piedi adesso…nun voi giocà col Game Boy?.... “ ..e democrazia?” “vabbè và, famo sto castello de sabbia…”

Buona domenica.

38 Comments:

Blogger gipsyqueen said...

ISTRUZIONI PER VOTARE SENZA RINUNCIARE AD ANDARE AL MARE
1.Il seggio apre alle 8. Davvero per una domenica al mare partite prima delle 8?
2.Se la risposta è NO, dopo aver caricato in macchina asciugamani, ombrellone e borsa-frigo, dirigete l’auto in direzione del luogo previsto per il seggio, che è comunque a breve distanza dalla Vostra abitazione. Parcheggiate in seconda fila, per una volta sarete scusati. Entrate, votate, uscite, dirigetevi verso l’autostrada. Avete perso circa una ventina di minuti.
3.Se la risposta è: SI’, siamo mattinieri, oppure “Restiamo al mare per tutto il weekend”, Vi ricordiamo che il seggio è aperto anche di lunedí: prima di recarvi al lavoro o approfittando della pausa pranzo.
4.Se la risposta è “ma non capisci che il mare è una scusa, in realtá non ce ne frega un cazzo di votare?” allora andatevi a comprare la canzone che proprio Voi avete ispirato a Frankie-Hi NRG.
…Sono intorno a me ma non parlano con me...
Sono come me ma si sentono meglio...
Ognun per se, Dio per se, mani che si stringono tra i banchi delle chiese alla domenica,
mani ipocrite, mani che fan cose che non si raccontano
altrimenti le altre mani chissà cosa pensano, si scandalizzano.
Mani che poi firman petizioni per lo sgombero,
mani lisce come olio di ricino,
mani che brandiscon manganelli, che farciscono gioielli,
che si alzano alle spalle dei fratelli.
Quelli che la notte non si può girare più,
quelli che vanno a mignotte mentre i figli guardan la tv…

(Quelli che benpensano)


DUBBIO: SE LA AVESSI POSTATA PRIMA AVREI RISOLTO QUALCOSA?

12:53 PM  
Blogger hobbs said...

@gipsy:..non lo so, andare a votare sapendo che c'era il 5% di affluenza mi ha fatto sentire ancora più fiero. non è bastato. ma sono sempre felice di riconoscermi in qualcuno. Appartenenze...

1:01 PM  
Blogger mn said...

personalmente faccio parte di quel 4,6% che è andata a votare prima di mezzogiorno.
anch'io sto mandando giù un boccone amaro perché ci speravo. stupida stupida stupida. stupida perché ci spero ancora, che le cose cambino, che le persone crescano, che smettano di ridere per le battute del bagaglino e comincino a guardarsi intorno. ma poi mi accorgo che va bene così, va tutto bene, e tutti al mare e tutti al mare. ma spero che la loro sia piatta come le loro onde cerebrali!

2:15 PM  
Anonymous gianniegianni said...

Regola numero uno: tenere duro.
Non disperiamo. Io sono andata ai seggi stamattina e ho visto tanta, tanta gente. Molti sono stati fuori città per il weekend ma non si sono dimenticati di votare.
Io ho pure perso la tessera elettorale e sono dovuta passare per il duplicato. ma tanti sono motivati. Io ancora ci credo

Regola numero due: dimenticare le statistiche.
Fino a che i seggi non sono chiusi, lasciamo da parte statistiche e proiezioni, servono solo a far contenti gli scemi. E' come raccogliere il fruto acerbo: sapore asprigno e consistenza legnosa.

Regola numero tre: accettare le sconfitte.
Prepariamoci al peggio. Se non va come speriamo, accettiamo quello che la maggioranza ha deciso, seppur con amarezza e disappunto. Non perdiamo la dignità. Loro, l'hanno già persa.
Regola numero quattro: Continuiamo a parlarne, a crederci e a discutere. Testimoniamo così la delusione.
Regola numero cinque: fatevi invitare a casa degli amici che si sono astenuti e scrivete con il rossetto sullo specchio del loro bagno un messaggio a vostro piacimento.

2:45 PM  
Blogger recel said...

soprassiedo sull'argomento del post, già parli tu.
quanto a me... poco da comprendere. ma quel poco non lo dimenticare...
buon lunedì

3:01 PM  
Anonymous gianniegianni said...

Ah, dimenticavo:
Regola numero sei: Riconsiderare il NON EXPEDIT come un'ipotesi più che plausibile.

3:10 PM  
Blogger ermione said...

...
devastante.

3:17 PM  
Blogger hobbs said...

@gianni: ..perchè no? potremmo tornare anche al "Patto Gentiloni"
tanto mi pare che l'orologio della civiltà abbia le lancette che ruotano al contrario..

P.S.
voliamo altissssimo oggi eh? :)

3:45 PM  
Blogger hobbs said...

@mn: ..le loro vacanze saranno meglio delle nostre, sicuro :)...

@ermione: ..dici? speriamo..

4:56 PM  
Blogger Evdea said...

Confermo e sottoscrivo dove devo firmare?

7:26 PM  
Anonymous Vera said...

Incollo il mio post scritto nel blog dell'amico Alain. Bacioni e buona serata. Ehi, ma quello dell'immagine sarà mica mio marito??!!!! LA pancia è la stessa! ;)))))
Vera Cinna

"Macchè popolo maturo come sostiene il Cardinal Ruini.....questo è un popolo in cui regna una VERGOGNOSA indifferenza! Chi non si è sentito toccato dai quesiti referendari per età, per situazione di vita, per ignoranza (tale o presunta), chi non voleva sforzarsi di capire qualcosa, chi aveva voglia di andare al mare, chi non trovava la scheda elettorale......tutti indifferenti, chi per un motivo, chi per un altro. In questi giorni ho sentitO tutti i tipi di scuse per non votare ma l'astenzione io continuo a trovarla VERGOGNOSA, stavolta ancor di più, perchè la chiesa sbandiererà questa "vittoria" delle assenze dalle urne come il prodotto della riflessione di un'Italia cattolica. Invece è semplicemente un'Italia senza credo civile. Così la penso io, non vogliatemene, conterranei! Vera"

12:04 AM  
Anonymous noce said...

ahimé non avevo dubbi...

1:38 AM  
Anonymous skritch said...

telepatia........... triste telepatia.

9:52 AM  
Blogger Storm Trooper said...

That guy totally fell down!

10:48 AM  
Anonymous Anonimo said...

lo schiaffo è stato forte, più forte delle tante illusioni che ci hanno sgretolato in tutti questi anni, delle tante delusioni su cui siamo stati costretti a costruire qualcosa che solo la nostra costanza, la nostra voglia ha tenuto in piedi per qualche tempo. lo schiaffo è partito da quella che tanti chiamano "zona grigia", ossia quella parte che non si schiera (in italia spesso è considerato un pregio, tanto che berlusconi, poverino, è stato costretto a rimbalzare per due giorni tra le sue molteplici ville, camuffato con dei ramoscelli di mirto pur di non schierarsi ...) che "...in fondo va bene così", del "...tanto sono tutti uguali...". quella parte che verso la fine della seconda guerra mondiale non si è schierata nè con i fascisti nè con i partigiani, era di gran lunga la parte più consistente della popolazione e voleva solo la fine della guerra, in un modo o nell'altro non faceva differenza,l'importante era la fine della guerra, tanto poi ci si abitua a tutto....
questa volta, per quel che mi riguarda, lo scontro con questo tipico atteggiamento italiano, (altro che popolo di poeti e navigatori, siamo un popolo di qualunquisti e ignoranti, prima o poi la vado a cambiare quella scritta su quell’orrendo palazzo), fa più male. l'argomento dei referendum è tale che non mi basta pensare che gli italiani sono così, che l'influenza del vaticano è ancora forte, no, non mi basta. vorrei riuscire a capire come fa una persona a non interessarsi del proprio futuro, delle battaglie contro terribili malattie che purtroppo esistono, della possibilità, ora negata, di vivere l'esperienza più bella, l'essere genitori. è solo indifferenza? è solo la forza della finta e duplice morale cristiana? Non lo so, è ancora presto per fare un’analisi precisa di quello che è successo, di una cosa però sono sicuro: dobbiamo dare il giusto peso alla cosa, dobbiamo capire che è successa una cosa rilevante, che questa è la gente che abbiamo intorno e con questa gente dobbiamo rapportarci. Questi signori indifferenti saranno anche coerenti se dovessero trovarsi nella terribile situazione di aver bisogno di un farmaco magari ricavato dalle famigerate staminali embrionali? Diranno al proprio figlio, tesoro, non ti posso far guarire perché per ottenere questa cura sono state uccise due cellule, aspetta e vedrai che la scienza eticamente corretta troverà qualche altra cosa. L’avranno questa coerenza?
Infine, tralasciamo l’aspetto “politico” della vicenda, i vari commenti, gli inviti ad astenersi fatti da autorità dello Stato, possibili solo in un paese “grigio” come il nostro. A queste persone, però, non ci possiamo abituare, non ci dobbiamo abituare, molti di noi meritano di meglio che un rutelli qualsiasi, che può essere scusato solo per il fatto che da pannelliano a papista deve essere un viaggio terribile, e quindi cerchiamo di comprenderlo se qualche volta straparla.
Scusami se ho abusato della pazienza tua e dei tuoi ospiti, ma sono avvelenato
Un abbraccio
pf

11:45 AM  
Blogger hobbs said...

@Pf:...siamo compagni di viaggio da tanto tempo, ne abbiamo condivise tante di queste tappe, ci siamo incontrati in piazze semideserte e riconosciuti a stento in mezzo a bandiere multicolori o ai lacrimogeni, abbiamo pianto, riso, bestemmiato, una volta abbiamo rincorso Gorbaciov per via dei fori imperiali col cuore in gola per vedere se a quella faccia corrispondeva il sogno che avevamo condiviso in qualche notte di chiacchere e passi lenti. Sei parte della mia vita il tempo che ti prendi con me è quello che ti spetta perchè sei l'altra faccia della mia coscienza,quella che ti regala pensieri anche quando non lo sai, quella civile quella in cui spesso mi specchio per vedere se mi riconosco, e quando ti guardo mi riconosco. Non abuserai mai del mio tempo ne del mio spazio questo è il vantaggio dell'amicizia. L'amicizia non ha bisogno di permessi l'amicizia è appartenenza...

11:59 AM  
Anonymous skritch said...

ecco mi avete fatto commuovere!!!




e allora perchè siamo sempre così pochi? :(

12:40 PM  
Blogger hobbs said...

@skritch:...sei qui adesso, questo conta..
un bacio

12:46 PM  
Anonymous Anonimo said...

...io ci sono...magari non commento tanto, ma Hobbs sa come come la penso...e leggo.
Emy

1:36 PM  
Blogger gianniegianni said...

Ci siamo tutti rimasti male. Diciamoci la verità.
E diciamoci anche che siamo scontenti di vivere in un paese che non la pensa come noi speravamo.
Questo ci amareggia oggi e ci preoccupa domani.

1:53 PM  
Blogger hobbs said...

@emy: ...lo so :)...

@gianni:..non ci sono rimasto male, perderli (e non era una gara..) ha significato qualcosa di molto profondo, su cui dobbiamo riflettere, non tanto sul piano politico (perchè che che se ne pensi, questo è stato "anche" un voto politico" ma piuttosto su quello sociologico. E' che anche in questo caso c'è chi riflette e chi è già tornato (ma ne è mai uscito?) nel rassicurante,letargo intellettuale che sta ammazzando questo paese.
mi preoccupa l'oggi...

2:03 PM  
Anonymous tinapika said...

Anche a me fa paura l'oggi... ma anche il domani non scherza! Se è passata questa chissà quante altre... Comincio a comprare guide turistiche della Spagna

2:18 PM  
Blogger hobbs said...

@tinapika:..mi sa che vengo con te, ogni volta che penso a zapatero mi viene il magone...

2:21 PM  
Anonymous tinapika said...

E' andata!
Allerto il mio uomo a Malaga...

2:30 PM  
Anonymous Sol said...

Non era tanto il no o il sì ad essere importante...ERA ESSERE Lì A METTERE UNA CROCE, A FARE UNA SCELTA!...In questa crisi di democrazia, la gente non ha capito che essere in democrazia comporta, oltra a tutti i sacrosanti benefici, un solo ed importante obbligo: ESPRIMERE LA PROPRIA OPINIONE, FARE DELLE SCELTE...ovvero IL POPOLO DEVE PARTECIPARE a quella RES, che è appunto PUBBLICA...E' davvero triste che si siano dimenticate le lotte di chi prima di noi ha dato persino la vita per esprimere un'opinione e fare una scelta, qualunque essa sia, in qualunque direzione. TRISTE!DAVVERO TRISTE!...

3:21 PM  
Blogger mn said...

pf/hobbs, il vostro scambio mi ha commosso. sono in ufficio e piango...
molti baci. siete davvero meravigliosi.

3:28 PM  
Blogger hobbs said...

@tinapika: ..è uno fidato?

@Sol:...sottoscrivo, bentornata, mi sei mancata :)...

@mn:...non dirlo a me ;)...

5:30 PM  
Anonymous Tinapika said...

Più che fidato è rimbambito... ma questo ci fa gioco ;)

6:48 PM  
Blogger alpan said...

beh caro hobbs riconosco tutta la tua amarezza in questo post...amarezza che è anche la mia ovviamente...
speravo di vedere e condividere con te un altro tipo di post oggi...che raccontasse dell'Italia che crede nella libertà, nei diritti e nelle idee, l'Italia di tutti quelli che vogliono decidere e scegliersi il proprio futuro....ma purtroppo oggi non ha vinto nessuno...se non il silenzio come hai ben detto...l'istituto referendario è messo a dura prova ancora una volta...
perde definitivamente la faccia un paese già allo sbando...
ma io ci credo ancora.....
guardiamo avanti

10:34 PM  
Blogger margherita said...

il referendum purtroppo verteva su un principio e quasi tutti si sono fatti obnubilare dal merito...

Bellissimo post... vedo come lincarti.

:)

9:20 AM  
Blogger hobbs said...

@tinapika:...preparo le valigie :)..

@alpan:..si, guardiamo avanti,ma quella è una italia che non c'è, ce la siamo inventata noi :)..

@margherita:..forse è così, ti linko anche io :)...

12:05 PM  
Anonymous tinapika said...

Buon pranzo Hobbs ;)
Una domanda che non necessariamente richiede una risposta: come faccio a metterti fra i miei "amici"?

1:33 PM  
Blogger hobbs said...

@tinapika:...la risposta è d'obbligo, ma per essere valida deve presupporre la comprensione della domanda. In soldoni: "Che vuol dire?" :))...spiegami bene..

1:41 PM  
Anonymous tinapika said...

Allora... è difficile ma provo: vorrei inserirti fra i miei preferiti per "vedere l'effetto che fa" quando lasci un post...
Aaagghhh! Non riesco a spiegarmi :(
Faccio un po' di luce nelle tenebre della mie mente e poi riciccio và!
Ciao ciao

2:15 PM  
Anonymous skritch said...

un abbozzo di pensiero laterale:
forse tinapika intendeva chiederti come fare per inserire il tuo blog tra quelli "amici" di splinder. temo tuttavia che splinder si faccia amici soltanto gli splinderiani, e quindi hobbs ne sarebbe escluso.
fine del pensiero laterale in bozza.
:)

4:30 PM  
Anonymous Tinapika said...

Grazie Skritch ;)

4:43 PM  
Blogger gianniegianni said...

... ma che è tutto 'sto pomiciare?
Così, "amigh", che se non sbaglio io l'ho già dichiarato ben più di una volta:
"vengo giù e vi do quelle di dio", a te, M., Emy, R., e adesso anche alla Tina.

5:38 PM  
Blogger hobbs said...

@gianni: ...guarda che io chiamo "a mio cugggino"...

5:57 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home