domenica, agosto 05, 2012

scapole

(Brad Holland)

L'amore mi consuma ogni volta, per fretta. Pago il conto degli altri, un conto che sa di salsedine e una solitudine che scricchiola poco sotto le nocche e torce le costole, ogni notte, come latrati di cane. Te lo ricordi? Avevo scoperto le mie spalle con un gesto antico. Tu, Guardavi allora con la bocca socchiusa dello stupore, tutti i segni della pazienza e una curva di tempo verso il basso, impietosa e fiera. Le dita sapevano ora quello che la voce non riusciva più a dire, non poteva o non voleva. Certe cose le racconta il corpo, e basta. Per questo è comodo celarsi dietro la voce, con il respiro grosso di chi è nascosto nell'armadio e nessuno lo vede. Ma certe verità, come una beffa, sono i non detti. "li senti?" erano due solchi lunghi come domande, spessi, frastagliati, come certe onde di scoglio nella mia schiena, appena sotto le tue dita da telegrafista. "Ecco, ora sai perché non posso più staccarmi da terra" ti dissi.

10 Comments:

Blogger amanda said...

le ha tolte per amore? per quell'amore? ma se l'ha fatto per amore sarà l'amore a staccarlo da terra... almeno finché dura

8:39 AM  
OpenID ioviracconto said...

Quando si scrivono cose così intee, sull'amore, l'amore non i consumerà mai del tutto.

9:16 AM  
Blogger albafucens said...

senza parole... solo superlativi

Uno scritto stupendo, se ne percepisce l'atmosfera, lo scricchiolio, il respiro, mi soffermo su quel "... gesto antico" di una bellezza quasi struggente.

E' così vero certe cose solo il corpo le può raccontare, e le mani sanno narrare spesso tutto quel che le labbra invece tacciono.

Sono primitive, istintive sempre in fermento, hanno bisogno di potersi esprimere, le Mani, costantemente

Sono anche un po' rabdomanti le Mani, a volte vibrano e percepiscono flussi emozionali, allora quando avviene hanno l'urgenza di incontrarsi, stabilire un contatto... così si cercano...

E comunicano in silenzio, dapprima in punta di dita, esitanti, per poi scivolare più sicure e audaci le une nelle altre

si mettono così a raccontare e disegnare storie, le Mani, filo dopo filo, con dolcezza tessono elaborati arabeschi, si amano le Mani.

... sono direi proprio come delle telegrafiste le mani, "comunicano".

11:34 AM  
Blogger Mrs Quentin Tarantella said...

Acc...
Troppe cose mi hai evocato (evocatore!) ;-)
magnificosempre.

11:11 AM  
Anonymous e.l.e.n.a. said...

certe cose, il corpo le sa.
e basta.


l'immagine mi ha ricordato questa:
http://www.galleriasantangelo.it/images/gatti/sirena.jpg
di cui ho una piccola riproduzione.

3:09 PM  
Blogger hobbs said...

amanda: le ali cadono da sole, o più spesso, te le tagliano..

2:51 PM  
Blogger hobbs said...

ioviracconto: spero che tu abbia ragione...

2:51 PM  
Blogger hobbs said...

albafucens: "rabdoamanti" allora...
bellissimo commento *

2:52 PM  
Blogger hobbs said...

quentin: non ci "accalchiamo" allora... :)

2:53 PM  
Blogger hobbs said...

elena: e le dice, anche.

2:53 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home