venerdì, novembre 16, 2007

hardboiled II




Sollozzo
Vito Sollozzo era un allibratore da milionate di dollari, si era arricchito con il contrabbando dei dadi da brodo truccati e aveva in mano anche il racket delle pistole ad acqua. Nel tempo libero, se non doveva sciogliere qualcuno nell'acido, era possibile andare a trovarlo alle corse dei cani, ma soprattutto, aveva una fitta rete di informatori che potevano tornarmi utili nel caso Peter P. ”Hai perso anche oggi Sollozzo? Mai puntare su un bassotto alle corse dei levrieri” ma lui era un ottimista. “Come butta barlow? So che te ne vai in giro a cercare anime” le voci giravano in fretta, ma, come immaginavo Sollozzo non ne sapeva niente o almeno così diceva, da buon mafioso rifuggiva qualsiasi forma di spiritualità ma adorava l'omertà e il tritolo, il “dopo” preoccupa chiunque, anche un tizio che se ne va in giro con un morto nel cofano e intanto canta that's ammore. “ E tua moglie?” “Oh, lei sta bene Barlow, ormai vive in un mondo tutto suo, pensa che è talmente brava a fingere l'orgasmo che si è convinta di averne davvero” era anche un romantico “guarda il lato buono Vito, in fondo, fa un favore a tutti e due” Il suo bassotto vinse la quinta corsa, ma solo dopo aver corrotto 12 levrieri con mezza tonnellata di ossa di gomma, poi, mi dirottò a Chinatown.

Chen
Chen,Woo Foo era il capo della mafia cinese giù a Chinatown, e Sollozzo mi aveva detto che in passato trafficava in anime. Aveva cominciato la carriera nell'organizzazione Come killer, ma aveva fallito, smise perché sparava a salve a tutte le sue vittime, per educazione diceva lui. Tutto questo molto prima della sanguinosa rivolta dei ravioli al vapore del 39 e della morte di suo figlio passato a miglior vita inciampando in un cane pechinese durante una seduta di agopuntura. Aveva tentato la scalata grazie a metodi rudi e innovativi, e poi era l'unico che riusciva a pronunciare la erre pagando un tizio di Minneapolis che la diceva al posto suo. Gestiva tutto il traffico della cocaina e come copertura gestiva una catena di palestre di kung fu, dove insegnava a spaccare 40 tavolette di legno indossando un kimono e usando una motosega. “Ho smesso con quella roba Mr. Barlow, sono diventate un traffico assai redditizio e molto pericoloso, meno della cocaina, ma molto di più dei cani a molla da cruscotto” Chen diceva la verità, ed ormai ero ad un punto morto, sulla porta congedandomi mi desse ”Barlow, ora devo lasciarla, stò leggendo un romanzo sulle scatole cinesi, e non arrivo mai alla fine. Ma, per casi come questo, le consiglio un prete, pare che ne sappiano molto più di noi

O' Banion
Padre O'Banion diceva messa in latino a Saint Anger, e mi accolse in un confessionale che brulicava di tarme “dire cose morte in un a lingua morta mi pare un grande atto di coerenza padre” “Barlow, siamo tutti morti, e se Dio esistesse veramente, lei pensa che permetterebbe a gente come Mengele di giocare all'allegro chirurgo e a uno come me di molestare il suo chierichetto vestito da orsacchiotto, e di venire poi qui a confessare lei?” “E le anime padre O'Banion? Si possono rubare le anime? E se si, questo vuol dire che c'è un dopo? E lei lo preferisce al prima o al durante? Io per esempi passo direttamente alle coccole” mi rispose con calma, sottovoce, attraverso i piccoli fori del confessionale. Da li, visto in quella poca luce, mi pareva che stesse ridendo dentro la tonaca. Poi, mi disse in latino che le anime non si rubano, se mai a volte scappano, più spesso non esistono affatto. E dopo il segno della croce aggiunse “Ah, Barlow, io preferisco il durante perché credo che non esista un dopo, ma lei, non ha un informatore?...”

Goodles
forse era il primo con cui avrei dovuto parlare, il mio informatore si chiamava Goodles, Faceva il lustrascarpe alla Central Station e aveva le orecchie come una nottola. Era muto, e mi passava le informazioni lasciandomi dei bigliettini nei mocassini, che puntualmente stingevano. Mi sudano i piedi. Una volta ho fatto fare 14 anni ad un panettiere di Ottawa al posto di un ricettatore. Adesso a Sing Sing mangiano delle ottime pagnotte per il rancio, ma non è infrequente trovare orologi da tasca o bracciali nel pane all'olio del forno all'angolo con la 42a strada. Dopo aver lucidato a lungo fingendo di parlare della disastrosa stagione dei Jets dopo che un meteorite aveva centrato la squadra durante la preparazione estiva, o del fatto che sembrasse assurdo che il nuovo presidente degli stati uniti fosse un ex attore che aveva girato capolavori come Bozo la scimmia parlante, nel mocassino nero che mi aveva infilato in tasca, trovai un bigliettino “c’è un tizio, un certo Parboiled, fa il ricettatore tra la quinta e la nona, rivende orologi, radio, reni e cornee al mercato nero. Ma fa attenzione, può essere molto pericoloso, soffre di alitosi.”

continua...

22 Comments:

Anonymous Anonimo said...

...personaggi davvero strepitosi...
sai che mi piacciono questi racconti....;)
bravo....
un abbraccio
Alpan

11:29 AM  
Blogger hobbs said...

alpan: grazie al, quale è il tuo preferito?

12:10 PM  
Anonymous amoilmare said...

Fa bene all'anima nutrirsi di tutta questa immaginazione.. ora sono sazia e mi sento bene.
E' un piacere leggerti.

12:34 PM  
Anonymous Anonimo said...

...diciamo che se la battono Sallozzo e Chen....;)
quella della sanguinosa rivolta dei ravioli al vapore del 39...è straordinaria......ciao...
Alpan

12:56 PM  
Blogger hobbs said...

amoilmare: grazie, l'immaginazione è come l'appetito, vien scrivendo, o mangiando...

alpan: ma nun è sollozzo? boh...

12:59 PM  
Anonymous flounder said...

ammenommifaiscema: è palese che l'assassino sia il maggiordomo.
(benché abbia l'alibi della data impressa sulla ricevuta fiscale)

7:11 PM  
Anonymous blualessandro said...

Mirabilia!!!!!

: )))

No comment condito d'invidia.



Alessandro

7:31 PM  
Anonymous Anonimo said...

continua...
nel frattempo continuo a leggere
anzi me lo stampo, che lo leggo sull'autobus come facevo con i gialli mondadori

free

8:26 AM  
Blogger hobbs said...

flounder: tutto questo per 25 dollari? tu non hai letto "il mistero del papero giallo però..."

blualessandro: e che è!!!!!!!! :)

free: stampi anche la copertina?

12:05 PM  
Anonymous dessd said...

oh caspita sono rimasta indietro...beh è da una vita a dire il vero!...recupero subito! almeno qui posso no?!

8:49 AM  
Anonymous fotoreportress said...

a me fa impazzire il cinese che legge un libro sulle scatole cinesi e non arriva mai alla fine.

1:52 PM  
Anonymous fotoreportress said...

sebbene anche il prete, sia un personaggio inquietante e per questo interessante.

1:54 PM  
Blogger hobbs said...

dessd: qui, è sempre aperto...

fotoreportress: non arriva in fondo perchè l'ho scritto io.

7:05 PM  
Anonymous freesia said...

il prete è inquietante perché forse troppo vero...
è inquietante anche la risposta a fotoreportress.. :S
e comunque continuo...
un bacio

12:23 AM  
Blogger hobbs said...

freesia: i preti sono inquietanti a prescindere.

12:09 PM  
Anonymous Anonimo said...

ma sono solo 4! e gli altri due dove sono?

nuv

1:56 PM  
Blogger hobbs said...

nuv: scomparsi, investigatrice anche te?

2:17 PM  
Anonymous Anonimo said...

ma il peso dell'anima?
il fatto che esista è assodato. diglielo a chi la sta cercando.

e poi, se io pago qualcuno perché dica alcune parole, viene tanto?

6:51 PM  
Anonymous Anonimo said...

ero io, amelia.
non capisco più come si fa a commentare da te.
(imbranata)

6:52 PM  
Blogger hobbs said...

amelia: sul peso dell'anima (21 grammi mi pare...) volevo scrivere qualche cosa tempo fa. Io credo che 21 grammi sia il peso di un respiro. L'ultimo.

p.s.

pagare chi? e per dire cosa?...

10:19 PM  
Anonymous Anonimo said...

tutto ha un prezzo. come si dice nel post successivo.
(li ho letti di seguito, l'uno dietro l'altro. in fila)

mi chiedevo se si poteva comperare una cosa che si vuole sentirsi dire.
un parolaio, insomma.

amelia

10:41 PM  
Blogger hobbs said...

amelia: forse si, anche se il prezzo più alto lo si paga per mentirsi.

10:50 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home