venerdì, gennaio 21, 2005

Il mistero del papero giallo



Barlow fumava il sigaro. Non perché gli piacesse, ma piuttosto perché era il personaggio di un libro giallo, e lui non decideva un beneamato niente, anzi, se è per questo ha pure un enfisema, ma questo lo scoprirà nel prossimo libro. Ma, il tutto serve a dimostrare due cose, una è che nella vita è tutto già scritto o almeno nei romanzi (il che prova la mia teoria secondo cui Dio esiste, ma avendo già scritto tutto passa le giornate a vedere se indoviniamo come vanno a finire le cose) e la seconda è che l’assassino è il maggiordomo. Qualcuno bussò alla porta, Barlow nascosto dietro una nuvola di fumo disse ”avanti” Elias Berkowitz entrò timido, tenendo il cappello tra le mani “lei deve aiutarmi”, disse il poveretto aggiustandosi un riporto imbarazzante. “Sono il maggiordomo di Villa Shepard, e non sono un assassino, ma non c’è cena a casa di Lord Shepard dove il sottoscritto non venga accusato di omicidio, o di mettere la polvere sotto il tappeto, e se non fosse che guadagno 25 sterline al giorno li avrei già eliminati tutti. Ho lavorato nei più importanti gialli del mondo, e alla fine è sempre colpa mia, sono stanco...questo è un invito per il prossimo ricevimento di venerdì, confido nelle sue capacità di investigatore e nello stato di ebbrezza di chi sta scrivendo questo scempio.”
“Accetto” disse Barlow aggiustandosi il bavero del trench. “ Mr. Berkowitz, lei sembra un brav’uomo, ma le consiglio di pulire quelle macchie di sangue dalla giacca se non vuole dare nell’occhio e far indovinare il finale a pag. 5”. Villa Shepard dominava la città da una collina tetra e cupa, Barlow travestito da Sir Greenswald (il travestimento consisteva in un naso di pongo ed un monocolo senza lente) si avvicinava cauto a bordo della sua Chaser Speedo del 56’ (la chaser speedo del 56 non esiste, ma suona così bene, per contro quella del 57 picchia in testa e consuma come un autoclave....) un corvo gracchiò dall’alto di un filo del telegrafo poi disse “minaccia pioggia e non ho nemmeno un impermeabile” e volò verso nord in un film di Hitchcock. Lo stemma sulla porta di Villa Shepard era una civetta, Barlow diede due colpi decisi al batacchio, dopo alcuni istanti venne ad aprire Elias Berkowitz in divisa, "la cena sta per essere servita", gli disse facendogli strada fino all'ampio salone. Lord Shepard vedendolo entrare gli andò incontro salutandolo calorosamente “Sir Greenswald ! che piacere rivederla, come mai in trench? vuole giocare ancora al Cluedo?” Barlow abbozzò un sorriso ed il naso di pongo cadde in una zuppiera. La cena fu servita alle 22,00 in punto, Barlow si intrattenne con gli ospiti parlando del mercato delle spezie, della nuova transiberiana, e del perchè l’anca congenita fosse così diffusa tra i polli. Gli invitati erano, Madame Venus, chiromante e medium, vedova di un banchiere potentissimo e dedito a loschi traffici tra cui il contrabbando di accendini a forma di Water. Sir Bloomsdow un cardiochirurgo in pensione premio nobel per la medicina grazie alla creazione del primo pacemaker a manovella. Donna Winter, ex ballerina del Moulin Rouge, famosa per un numero di streap tease in cui si esibiva con un con un nano a molla. Terence Faster, attore hollywoodiano dai baffetti alla Gable, ma alto come un comò che per recitare con Veronica Lake in “Tormento Muto” venne piazzato su 9 elenchi del telefono, playboy incallito e dedito al gioco d’azzardo, pare, ridotto sul lastrico per le scommesse al tavolo verde e alle corse delle lumache. Ed infine Lord Shepard, che aveva comprato il titolo ad una svendita da Harrod’s, ed aveva fatto la sua fortuna con il commercio del thé indiano e con la tratta delle bambole gonfiabili, Gay non dichiarato che una vecchia diceria vedeva sorpreso nei bagni del teatro dell’opera di Londra durante l’intervallo dell’Idomeneo mentre tentava di accoppiarsi con il Baritono Rodolfo Sollazzo.

Fine Primo Tempo

18 Comments:

Blogger Una Persona Intorno said...

IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH!!!!
Con il baritono?!?!!??!?!?!

Eh eh ehe! Secondo me l'assassino..è il naso di pongo!
Grande idea quella di mimetizzarsi nella zuppiera da porro bollito..
Tra un risucchio e l'altro aspettare il momento dello starnuto letale...

Geniale!!!

2:49 AM  
Blogger hobbs said...

he, he, he.....
apri msn...

3:05 AM  
Blogger Una Persona Intorno said...

Fatto! Dove sei?!

3:07 AM  
Blogger hobbs said...

roy69@hotmail.it

3:08 AM  
Anonymous Anonimo said...

...Questo ragazzo comincia a piacermi...
Woody Allen

6:00 PM  
Blogger recel said...

ehi, ma allora ce l'hai sul serio l'anonimo... secondo me è un'anonima e ti corteggiucchia pure un po', direi... buona serata

6:08 PM  
Blogger hobbs said...

grazie Woody...!!

6:37 PM  
Blogger ermione said...

..grazie hobbs.
davvero.
...
e leggerti è delizioso. aspetto..il secondo tempo...
un abbraccio...senza punti...
;-))

9:58 PM  
Blogger recel said...

condivido quanto dice ermione: leggerti è delizioso... e ti ringrazio davvero per i messaggi sul mio blog. a presto

12:43 PM  
Anonymous Anonimo said...

hobbs. fantastico. e poi? e poi????
dai che mi lasci anche con un dubbio oserei dire... amletico... ;)... perché nell'Idomeneo non c'è il baritono...??? o sì??? oddio, ma allora con chi si stava accoppiando lord shepard????
noce

5:06 PM  
Anonymous Anonimo said...

Grazie.
Non avevo mai visto il tuo blog... è stepitoso!!! Ma come cavolo fai a disegnare così?!?!? Quando quelle scarse come me - faccio un po' di grafica e dipingo nel tempo libero - vedono i lavori di una come te... Insomma... ci siamo già capiti... COMINCIO LA SETTIMANA SENTENDOMI UN VERME A PIEDE LIBERO.

Barbarina alias Gianni

io vengo qui tuti i giorni e ti linko da subito ... e un po' mi sono già innamorata!!! eh, eh, eh!!! buona giornata, caro!!! ;)

9:17 AM  
Blogger Una Persona Intorno said...

Ehi!...Solo un BUON giorno..
Bella chiacchierata ieri..

:-)

11:22 AM  
Blogger hobbs said...

eh, cara barbarina in verità non lo so proprio...
ma credo con le mani comunque...
anch'io sono già innamorato, che sia colpo di fulmine?...
continua a disegnare è una cosa bellissima.
a presto

7:22 PM  
Blogger hobbs said...

Ciao Upi, ma abbiamo mai smesso....?
un baciotto.

7:27 PM  
Blogger recel said...

ma quanto sei carino? ora capisco tutte le anonime e non che ti tempestano di messaggi... grazie ancora. aspetto un nuovo post, però... a presto

12:04 PM  
Anonymous Anonimo said...

Eccomi di nuovo, per dirti che sono già tutte innamorate di te... UFFA!!! Spero che sia colpo di fulmine, un giorno scoprirai il perchè ...
Il corso che sto seguendo è di grafica tecnica: lavoro con Photoshop, Firework, Director, Powerpoint ... insomma, molta abilità, un po' di creatività ma niente a che fare con il tratto e la mano dell'artista... Quando scrivi il prosieguo della vicenda a nome di Chandler??? Ne sono stata lettrice voracissima durante la adolescenza. un big kissss ;o)

ANONIMA
BARBAGIANNI

5:20 PM  
Blogger hobbs said...

Cara barbarina, così mi incuriosisci a morte...!
la creatività è indipendente (sempre) dal mezzo che si usa, non porsi limiti aiuta, non averli sarebbe ancora meglio...ed io purtroppo ce li ho.
per il post...ci siamo quasi...
ma che devo scoprire....?

10:22 PM  
Blogger Una Persona Intorno said...

No..non abbiamo mai smesso.. ;-)

3:48 AM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home