giovedì, gennaio 24, 2013

[posto 16]









"Questo è il mio posto" lo dice distrattamente, guardando un tizio di Potenza che puzza di olio di fegato di merluzzo e russa con un giornale sulla faccia. Dietro al vetro scorre il rullo del pomeriggio, che si porta appresso alberi, case, passaggi a livello. Un ragazzino oltre il vetro opaco, continua a salutare greggi di pecore indistinti, sfocati, ma dice che porta bene, dice. Sua madre dorme con gli occhiali sul naso, le si vedono le mutande, e lei lo sa bene. Insomma il mio posto, il posto 16 vicino al finestrino è di un tizio grasso come un capodoglio e con la cravatta stretta. Mi mostra il biglietto, tra le dita rosa e senza peluria. Stesso posto, stesso giorno, un errore del computer, penso. La mamma finge di svegliarsi e si abbassa la gonna. C'è un senso per ogni cosa, anche per un posto sbagliato "Prego" mi alzo, e cedo il mio momento giusto.

4 Comments:

Blogger amanda said...

anche trenitalia a volte è puntuale :)

10:56 AM  
Anonymous aitan said...

La serendipità viaggia sulle strade ferrate.

10:10 AM  
Blogger hobbs said...

amanda: suo malgrado... :)

3:34 PM  
Blogger hobbs said...

aitan: ma esiste?

3:35 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home