venerdì, novembre 05, 2010

la rossa


Jan Saudek

Alessandra c'aveva le tette più grandi di Roma. Quando passava sul ballatoio, era come una danza sott'acqua, mi pareva che insieme a lei ballasse anche tutto il resto. Le sue tette erano bianche come il latte, pesanti e leggere, enormi. Ogni volta che mi incontrava mi sorrideva, e le sue lentiggini mi rubavano il respiro, poi, mi passava la mano tra i capelli e mi diceva “se mi sposi, io ti aspetto...” e se ne andava ondeggiando il culo come un altalena. Alessandra c'aveva i capelli rossi e pazzi, la gente si voltava per strada a guardarla. Mio zio Aurelio distrusse una lancia Ardea appena uscita dalla fabbrica per guardargli quel miracolo ansante. Si dice che sia rimasto li, in mezzo al vapore con un palo della luce piantato nel radiatore, nel suo vestito color cachi e con un sorriso felice, per sempre. Alessandra faceva la puttana, che non ho mai capito bene cosa volesse dire, almeno fino a quindici anni, perché quando lo chiedevo mi madre abbassava lo sguardo e mio padre diceva “tu non devi fare domande, stai zitto e ascolta”.

L'onorevole Malagò invece, mentre scopava parlava, come tutti i fascisti. Alessandra invece ascoltava, come tutte le donne. Gli aveva ammazzato il fratello partigiano alle Fosse Ardeatine e teneva nel portafoglio una foto in cui, in posa da caccia grossa, poggiava lo stivale nero sulla testa di una preda ricoperta di calce viva. L'onorevole Malagò, ringraziando iddio veniva subito, come tutti i democristiani, e un pomeriggio di aprile gli lasciò in eredità il nome di tre sottosegretari all'edilizia corrotti e una sfilza di nomi di morti mischiati al cemento nelle fondamenta di un albergo a 100 piani nella provincia di Bari. Questo, insieme ad un infarto nel bel mezzo di un pompino, lo tolse dalla vita politica, e lo costrinse a farsi imboccare per il resto dei suoi giorni. E allora capii cosa intendeva mio padre quando una sera mi disse, con gli occhi sui larghi fianchi di mia madre, che la vendetta è un piatto che va servito a letto.

Mio padre a puttane ci andava, e si vestiva come se dovesse andare alla festa del santo patrono “Ninè, c'ho la briscola stasera” sorrideva immerso in una nuvola di acqua di colonia e mia madre rispondeva sottovoce “ e io c'ho 'no stronzo 'n casa...” Mio padre era un tipo strano, ha passato metà della vita sotto un cappello, diceva sempre che un uomo senza un cappello non è un uomo. Secondo me, un uomo senza un cappello non sa dove nascondersi, ma questo, non glielo ho mai detto. Lui voleva fare il sindacalista delle mignotte, anche se “operatrici del piacere” gli pareva più dignitoso. Forse più per lui che per loro. Quando tornava dalla “briscola” lo sentivo fischiettare per le scale, mia madre lo aspettava in piedi, e gli diceva “vatti a lavare ” poi, come ogni volta, si rimetteva a pregare, bestemmiando. Una mattina di febbraio mio padre mi infila un cappello in testa, mi obbliga a lavarmi i denti e mi fa il bagno nell'acqua di colonia, poi mi dice “Oggi, vieni alla briscola con me”. Era il mio quindicesimo compleanno, e quel giorno, odora di lavanda e borotalco.

L'onorevole Malagò sbavava da un lato e non muoveva più un braccio, ma aveva molti amici potenti e con molta memoria, come tutti i mafiosi. Venne a prenderla il maresciallo Lapisarda, quello con la faccia da panettiere e due appuntati con le strisce rosse sui calzoni. Mia madre con la testa piena di bigodini gli chiese intirizzita sul ballatoio "Che ha fatto?" il Maresciallo Lapisarda che a puttane non ci andava, ma la moglie la sfasciava di botte perchè la famiglia è sacra rispose “Puttana passi, ma puttana e comunista no”.

Oggi ho quarant'anni, e non mi sono mai sposato. Ogni volta che vedo una ragazza con i capelli rossi, mi fermo senza respiro, e aspetto.

Ripropongo questa cosa di qualche anno fa, dopo aver letto codesto splendido pezzo di flounder, che potete (e dovete) andare a leggervi qua...

12 Comments:

Anonymous flounder said...

sì, sì, sì, me lo ricordavo. m'era piaciuto un sacco.

12:43 PM  
Anonymous aitan said...

Mi siete piaciuti entrambi.

E... trionfi la giustizia pompinara!

(Va be'... m'è scappata!)

5:50 PM  
Blogger Lila said...

bello. E' un piacere averlo letto, perchè anche se ogni tanto sbircio qualche pezzo più vecchio della nostra conoscenza, questo me l'ero perso.

E bello quello di Flounder.

8:56 AM  
Blogger hobbs said...

lila: :) flò è una grande scrittrice, ma ha problemi di memoria perché ogni tanto se lo dimentica...

2:24 PM  
Anonymous flounder said...

la vecchiaia.
a propo', ma voi chi siete?

8:48 PM  
Blogger hobbs said...

flounder: ero il vostro blogger preferito, secoli fa...

10:10 AM  
Anonymous flounder said...

lo siete tuttora, peraltro essendo l'unico che leggo.
(vincenzo malinconico, protagonista degli ultimi due ronmanzi di de silva, è un personaggio assai simpatico, filosofico. te l'aggia presenta', tenete un paio di cose in comune)

12:56 PM  
Blogger hobbs said...

flò: e mo' mi cerco qualcosa in libreria, allora...

12:16 PM  
Blogger hobbs said...

flò, e poi pensavo che facebook ha reso questi luoghi desolati. è che li non riesco a scriverci, le note o come cazzo si chiamano, mi paiono ciclostilati buttati da piccoli aerei.

12:19 PM  
Anonymous e.l.e.n.a. said...

quella briscola là, è l'unica dove non ti danno il due di picche.

6:44 PM  
Blogger hobbs said...

elena: negato a carte, finirei per prenderlo anche li... :)

10:22 AM  
Anonymous stillpoint said...

Citando sconosciuti, leggerti è vedere ancora il sogno mentre sputo dentifricio, sarò storto io ma nelle tue atmosfere sbilenche ci viaggio daddìo. Vero quel che dici di facebook, forse più che desolati li sta rendendo disabitati ché a volte non è un danno. Considero certi blog una riserva protetta. Oppure Fort Apache, vedi tu.

9:51 AM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home