martedì, maggio 26, 2009

diego è apparso a dio



"dai retta a tuo zio Gonzalo, che di calcio ne ha visto tanto, per fare un grande giocatore ci vogliono le leve corte, massimo un metro e settanta, settantacinque, hai visto Sivori?" nell' intervallo tra il primo e il secondo tempo della partita tra il Boca Junior e l'Independiente, nessuno si alzò per sgranchirsi le gambe, Alfredo non rimise l'orologio come faceva di continuo, Felipe non aprì nemmeno la carta marrone del panino con le patate, e io rimasi con le mani nelle tasche e un filo di terra bruciata agli angoli della bocca. Il ragazzino pareva che avesse un elastico attaccato al pallone, se ne stava nel cerchio di centrocampo nelle poche zolle d'erba rimaste a sfidare le leggi della fisica, a ridere della forza di gravità. Isacco Newton arrotola il biglietto comprato al bagarino del quartiere Palermo e mi dice all'orecchio: "potrebbe farlo con una mela?" "non lo so, ma l'ho visto fare di meglio, con un cedro libanese, e anche con un limone" allora si rimette seduto e scrive numeri che non capisco, scuotendo la testa a boccoli. Mio zio Gonzalo batte le mani a tempo mentre il ragazzino ferma il cuoio tra la coscia e il sedere, poi la lascia a mezz'aria e ci gira intorno con il piede sinistro, un piede scalzo, beninteso. La palla gli obbedisce, è questo il trucco. Probabilmente le parla, le promette un futuro da dietro i ricci color corvo, un giorno forse la sposerà. La notte ripassa il numero dieci disegnato a mano con un pennarello nero che puzza di acetone, e al mattino, sfatto di sonno, disegna porte col gesso sui muri del quartiere. Al fischio dell'arbitro ci rimettiamo seduti, e comincia a piovere, Felipe morde il panino e ingoia anche la carta, l'orologio di Alfredo si ferma, per sempre. per il prossimo miracolo, toccherà aspettare domenica.

"una sola domenica è troppo poca per due divinità"
ora il fatto è che Dio è un essere invidioso e collerico sapete, ed è pure ateo, a meno che non si parli di lui nello specifico. Ma i miracoli insomma, sono roba da trattare con le molle. La gente alla domenica in chiesa neanche ci va più, ogni preghiera, ogni mano giunta, ogni uomo in ginocchio, o donna con il rosario, ad ogni latidudine e continente, in ogni piazza assolata, prega per un nuovo miracolo della pelota, per una nuova parabola, per una traiettoria, iperbole, o rotazione, traslazione, effetto. Al cinquantesimo minuto della partita contro l'Inghilterra, nel campionato del mondo 1986, Dio presenta il conto a quel piccolo sgorbio. Gli dona il più brutto gol della storia. Un colpo di mano capite. Su uno spiovente dall'alto gli muove il braccio al cielo come una bambola woodoo. Tutto questo per ridere, ridere e smettere una volta per tutte di rodersi il fegato per uno sgorbio insolente che vola, senza piume né aureola, e che mette la gente in fila senza moltiplicare carpe e ciriole. Tutto questo per vendetta.

"papà, ma la terra è rotonda?" "certo" "ed è cucita a mano?" "sicuro, come è vero che è di cuoio"
Al sessantatreesimo minuto della partita contro l'Inghilterra, nel campionato del mondo 1986, vedo le sue rotule muoversi a scatti. La coscia corta si snerva come quelle dei cavalli sfiancate dai tafani, l'idea. Questo vuol dire essere una divinità, possedere. L'erba è sua, e i lacci degli scarpini, i pop corn, i pezzi di carta a neve dagli spalti, gli addetti ai tornelli, il satellite della mondovisione, i cronisti in sala stampa che sputano increduli sul microfono, i guardalinee, le auto nel parcheggio, lo stupore del mondo nelle bocche da pesce. E' tutto suo. Lui ondeggia, salta, serpeggia, curva, dribbla, disegna la traiettoria perfetta, la linea di Dio, la sua. Pablo Gutierrez posto 123 settore b tribuna nord sente distintamente nell'aria "Concierto para bandoneón, orquesta, cuerdas y percusión" di Astor Piazzolla e si mette a piangere. La moglie Annarita è convinta che abbia capito che lo vuole lasciare, e lo abbraccia, e ci ripensa, perché lui per lei non ha pianto mai, infatti. Mr. Shilton, portiere inglese (con le due parole non necessariamente in quest'ordine) rivede tutta la sua vita in 23 secondi, e poi non può fare a meno di pensarsi baronetto sulla copertina del Times. Ma 23 secondi sono sei battiti di ciglia, né un secondo di più, né uno di meno, giusto il tempo che serve per segnare la più bella rete della storia, quelli che bastano al fenomeno con la maglia numero dieci per arrivargli davanti, e scomparire. E riapparire dentro la porta. Tutto questo per ridere, perchè oggi, Dio, ha scoperto di non essere solo.


a Diego Armando Maradona

27 Comments:

Anonymous e.l.e.n.a. said...

se diego armando lo leggesse ti sfodererebbe uno dei suoi più bei sorrisi d'occhi.

bello di quel bello di meraviglia di parole mute e uau!!!

5:43 PM  
Blogger hobbs said...

elena: se lo leggesse davvero, potrei mettermi a palleggiare con delle mele. e anche a piangere. sapere che mi leggi tu, invece, mi rende sempre emozionato ed emozionabile. grazie...

5:56 PM  
Anonymous Silvia said...

Non amo il calcio hobbs per più motivi, però sono certa che Diego sarebbe contentissimo di leggere ciò che hai scritto. Io glielo manderei, è commovente.
Di quest'uomo mi piace la sua capacità di sbagliare da essere umano, malgrado sia stato un Dio, e di ricominciare. Ogni volta. Forse, è Dio davvero.

9:50 PM  
Anonymous didola said...

questo brano è dedicato a lui che lo amava tanto
grazie a te e grazie a diego che lo rese felice- come io non avrei potuto mai- con due scudetti e una coppa uefa
il napoli non era una squadra
era un movimento artistico del novecento(questa non è mia)

10:59 PM  
Blogger hobbs said...

silvia: la fragilità del lato umano in questi semidei, ce li rende più vicini, ce li fa amre di più. perchè al di la dello straordinario talento, riconosciamo in loro quella parte che ci somiglia di più...

didola: si, è vero, e nemmeno napoli squadra, ma tutta la città. e il manifesto culturale è stato senza dubbio quel "che vi siete persi" fuori dal cimitero il giorno del primo scudetto.

10:04 AM  
Anonymous Anonimo said...

come ascoltare una telecronaca e capire che in quel momento si sta facendo un pezzettino di storia.
proprio bello *

dea

2:20 PM  
Blogger hobbs said...

dea: una storia,in un fazzoletto d'erba.

2:50 PM  
Anonymous greis said...

volevo dedicarti questo scritto di Dino Buzzati.

Scrivi, ti prego.  
Due righe sole, almeno, anche se l’animo è sconvolto  
e i nervi non tengono più.  
A denti stretti,  
magari delle cretinate senza senso,  
ma scrivi.
Lo scrivere  
è una delle più ridicole e patetiche nostre illusioni.  
Crediamo di fare cosa importante  
tracciando delle contorte linee nere sopra la carta bianca.  
Comunque, questo è il tuo mestiere,
che non ti sei scelto tu ma ti è venuto dalla sorte,  
solo questa è la porta da cui, 
semmai,  
potrai trovare scampo.  
Scrivi, scrivi.  
Alla fine, fra tonnellate di carta da buttare via,  
una riga si potrà salvare.  
(Forse).



(certo nei tuoi scritti se ne salvano molte)

9:32 AM  
Blogger hobbs said...

greis: mi commuovi, almeno due volte l'anno. tutte quelle in cui passi, quindi. (*)

10:49 AM  
Anonymous greis said...

*

10:53 AM  
Blogger pralinAndrea said...

Dio CHE... :)

5:25 PM  
Anonymous harveyz said...

azione.
emozione.
rotolamento.

(bravissimo)

10:51 AM  
Blogger hobbs said...

pralina: o CHE fa?

harveyz: come un rallenty.

(inchino)

9:42 PM  
Anonymous aitan said...

Maradona, el Dios y el Diez.

Il mondo, una palla (sciacciata ai poli).

Il tuo testo, meraviglioso e ben giocato anche per chi come me è di scarsa fede calcistica (anche se al primo scudetto Del Napoli di Maradona era in piazza a ridere del Milan di Berlusconi, che a quei tempi era antipatico ai quattro quarti della città. Altri tempi, altre storie.)

12:19 PM  
Blogger hobbs said...

aitan: altri tempi, com'è vero. mentre lo scrivevo, e soprattutto mentre lo rileggevo, ho perso il colore, mi sono sbiadito un poco, come la mondovisione di allora. Fu l'ultimo mondiale di martellini mi pare, o il primo di pizzul, e il fatto che non ricordi tutto, la dice lunga, Sir Aitan...

p.s.
e il milan del Cavaliere c'è ancora però.

1:14 PM  
Anonymous amelia said...

di fatto, i primi rallenty, li ho visti alla domenica sportiva da piccola. e ricordo come un incubo la musica della sigla. mi pare sia ancora la stessa.

10:54 AM  
Blogger hobbs said...

amelia: si, la Rai vive di rinnovamento, come sai.

11:30 AM  
Anonymous amelia said...

quella sigla è diventata modernariato, ormai.

10:56 AM  
Blogger hobbs said...

amelia: ho un abat jour a forma di Del Noce.

5:12 PM  
Anonymous aitan said...

e, accidenti,
c'è ancora
pure il cavaliere!

7:46 PM  
Anonymous albafucens said...

splendido pezzo, divertente ~ elegante ~ da prima pagina!

P.S. mi raccomando, i bonsai.. se curati, possono diventare imponenti.
ciao

8:26 PM  
Blogger hobbs said...

aitan: cavaliere del lavoro (nero)...

albafucens: grazie, mi accontento anche di un trafiletto in terza in effetti.

p.s.
pollice verde e ottimismo...

1:12 AM  
Blogger Lila said...

bell'omaggio. è la prima volta che DiegoArmandoMaradona riesce davvero a piacermi!

7:16 AM  
Blogger hobbs said...

lila: glielo dirò... :)

benvenuta.

5:43 PM  
Blogger 郭富城Jason said...

cool!AV,無碼,a片免費看,自拍貼圖,伊莉,微風論壇,成人聊天室,成人電影,成人文學,成人貼圖區,成人網站,一葉情貼圖片區,色情漫畫,言情小說,情色論壇,臺灣情色網,色情影片,色情,成人影城,080視訊聊天室,a片,A漫,h漫,麗的色遊戲,同志色教館,AV女優,SEX,咆哮小老鼠,85cc免費影片,正妹牆,ut聊天室,豆豆聊天室,聊天室,情色小說,aio,成人,微風成人,做愛,成人貼圖,18成人,嘟嘟成人網,aio交友愛情館,情色文學,色情小說,色情網站,情色,A片下載,嘟嘟情人色網,成人影片,成人圖片,成人文章,成人小說,成人漫畫,視訊聊天室,性愛,a片,AV女優,聊天室,情色

3:55 AM  
Blogger lin said...

AV,無碼,a片免費看,自拍貼圖,伊莉,微風論壇,成人聊天室,成人電影,成人文學,成人貼圖區,成人網站,一葉情貼圖片區,色情漫畫,言情小說,情色論壇,臺灣情色網,色情影片,色情,成人影城,080視訊聊天室,a片,A漫,h漫,麗的色遊戲,同志色教館,AV女優,SEX,咆哮小老鼠,85cc免費影片,正妹牆,ut聊天室,豆豆聊天室,聊天室,情色小說,aio,成人,微風成人,做愛,成人貼圖,18成人,嘟嘟成人網,aio交友愛情館,情色文學,色情小說,色情網站,情色,A片下載,嘟嘟情人色網,成人影片,成人圖片,成人文章,成人小說,成人漫畫,視訊聊天室,性愛,a片,AV女優,聊天室,情色

8:30 AM  
Anonymous Anonimo said...

So, even though the links of london wedding attire is given the prime links jewellery focus, it is important to look into links of london uk issues like the choice of hair and make-up, cheap links of london shoes that compliment the attire and links london jewellery other such seemingly trivial yet very cheap watch charm important details.Things to Look Out for friendship bracelets by choosing, shoes that compliment your sweetie bracelets uk wedding attire perfectly. Make sure to not only Links london Chains focus on the look of the shoe but to also pay links london pendants attention to the material of the shoe.

6:43 AM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home