mercoledì, aprile 29, 2009

le avventure di sandrokan



- io della realtà me ne fotto - si disse radendosi quasi alla cieca poco prima che un giovedì qualunque lo fottesse. Mentre si reggeva le budella con le mani, si ricordò di suo padre e di come gli avesse insegnato a costruirsi una fionda con un sesso di legno verde. Si ricordò della testa del passero che gli ciondolava nel palmo della mano, degli occhi come teste di spillo. Senza volo - Io, se casca il mondo mi sposto, e tra me e quel mezzo passo sta la differenza, la differenza con voialtri, perché io so uccidere gli uccelli, sputare tabacco, e mettere le rane vive in un secchio di latta con i calzoni arrotolati alle ginocchia, con cuba appesa alla parete salvata dal tizio con la barba, l'uomo di mompracem che poi è la capitale dell'Argentina - si ricordò di come sapeva disporre soldati di plastica verde (insieme a un pastore zoppo avanzato dal presepe) su colline di terra da riporto, sussurrando con la voce del soldato Giòn: "madeintaiuàn" - io mica lo so, se ci vuole più coraggio a vivere che a punirsi con la solitudine, eppure conosco l'amore nel pugno, stretto intorno, finché non ti si fa il fiato corto e crepa in un fazzoletto - Si ricordò anche del grasso alla catena della bici, del primo basco, del nero sotto le unghie, delle molotov che non scoppiavano mai, perché il succo di pesca non è infiammabile - Io, non so morire in guerra, ma soprattutto non so vivere in pace. A trent'anni sono apparso prematuramente, in trionfo, tra due ali di folla estranea. Con il mio sciopero della fama passerò alla storia altrui, e otterrò 24 rate per un frullatore nuovo. Ma tu, ma tu, tesoro, mentre io faccio la rivoluzione, devi proprio andare a comprarti le scarpe?

22 Comments:

Anonymous e.l.e.n.a. said...

meglio comprarsele che fartele.

7:05 PM  
Anonymous colleradiletta said...

sono scarpette rosse però

9:23 AM  
Blogger hobbs said...

elena: me le faccio da me...

colleradiletta: o pattini d'argento?

10:17 AM  
Anonymous Anonimo said...

da donna, posso dirti che c'è sempre un valido motivo (oppure un buon momento) per comprarsi un piaio di scarpe nuove. rivoluzione o meno in corso

io, fin da piccola fischiavo con le dita e prendevo le rane con le mani (spero di aver fatto queste cose in questo ordine..) ma nessuno mi ha insegnato a costruire una fionda con un sesso di legno verde..

10:41 AM  
Anonymous giovanna said...

l'anonima di cui sopra ero io.. ecco

10:42 AM  
Blogger hobbs said...

giovanna: io compro scarpe da poco, come i vestiti anche. che mi pare un delitto spendere soldi che non ho, per la stoffa. Poi le porto (le scarpe) finchè non sono inservibili, distrutte. I segreti delle fionde si tramandano per generazioni, in gran segreto, tra maschi...

p.s.
ma tu hai un blog?

10:57 AM  
Anonymous giovanna said...

si ho un blog.
ma è un segreto segretissimo, quasi quanto quello della fionda

4:31 PM  
Blogger hobbs said...

e condiveiderlo con me, che sono discreto come un secondino?

4:32 PM  
Anonymous amelia said...

i tuoi scritti sanguinano. e si scheggiano.
anch'io avevo una fionda. me la intagliò mio papà. non dico che la sapessi usare e neanche che abbattessi uccelli. forse però ho capito che occorre imparare ad intagliare.
e tu in-tagli.

amelia

4:26 PM  
Anonymous rita said...

Coi soldatini verdi ci giocavo su un tavolone a casa di un mio cugino che diceva che non potevo essere femmina perché giocavo troppo bene alla guerra. E da allora son pacifista dichiarata mentre prima ero pacifista e basta. E poi il cugino malefico mi convinse che avevano trovato la merda nella Nutella. Sarà per questo che, poche tra i tanti, io la Nutella non la mangio mai e non mi piace, come la guerra, come vivere senza pace, come morire di fame di fama e comprare scarpe per scappare. Compro borse, sempre borse; ne ho centinaia. Due sotto gli occhi; dentro la vita già bevuta.

10:24 PM  
Anonymous Anonimo said...

adoro le scarpe. forse perchè, oltre al fatto estetico, le associo al movimento, all'andare, comunque. anche se la cosa più liberatoria è camminare scalzi, per sentire meglio.

dea

8:57 AM  
Anonymous Anonimo said...

ma se non sbaglio...non eri tu che ti stavi comprando le scarpe l'altro giorno?????
:)))

cmq...quella frase
io mica lo so, se ci vuole più coraggio a vivere che a punirsi con la solitudine, eppure conosco l'amore nel pugno, stretto intorno, finché non ti si fa il fiato corto e crepa in un fazzoletto'...
la metto nella hit parade dei tuoi post migliori.

bacio

ermione

8:19 PM  
Blogger hobbs said...

amelia: tirare fuori le cose, anche dal legno, mi pare un buon modo per cominciare a capire. quasi come modellare l'argilla, dovresti provare...

i miei scritti sono tutti un cerotto, mi sa.

10:09 PM  
Blogger hobbs said...

rita: con questa cosa della merda nella nutella ti hanno cambiato la vita. Io adoro le scatole invece, di ogni forma e colore, ma non so mai che metterci, e quando lo faccio me ne dimentico.

10:11 PM  
Blogger hobbs said...

dea: io cammino scalzo per casa, l'ho sempre fatto. Il parquet è cosa calda, come nessuna strada potrebbe mai essere. Ma la cosa più liberatoria delle scarpe, diciamolo, è toglierle...

ermione: si, ero da bata, e facevo il cretino con una commessa dai capelli rossi. la cosa mi è costata 55 euro, ma ho capito che mi ama, perchè con soli altri tre, mi ha rifilato una boccetta per pulire la pelle scamosciata.

p.s.
grazie...

10:15 PM  
Anonymous amelia said...

l'assoluto mistero dello scrivere è che è insieme ferita e benda emostatica.

amelia

11:45 AM  
Anonymous Silvia said...

Se non fosse che nelle rivoluzioni spesso c'è da correre col fiato corto, un paio di scarpine nuove sarebbero l'ideale:) Da rimirarsele specchiate nell'asfalto bagnato di primo mattino, che quello delle ore successive è troppo calpestato e non riporta il giusto colore.
Da tenerle in mano, per correre più forte, quando è ora, scalzi, che se uno non ha i piedi dolci, corre più forte. O tenerle al collo, come faceva mio nonno, quando passava per un campo irrigato da poco, per non sciuparle, e rimirarle in pace, sotto il noce, per credere che il mondo un giorno sarà migliore.
Forse per questo è uscita a comprarsi le scarpe.

Ma quante scuse adduciamo noi femmine, pur di comprarci un paio di scarpe nuove?:)

1:43 PM  
Blogger hobbs said...

silvia: ogni scusa è buona per quelle. la cosa dei piedi scalzi, mi è piaciuta moltissimo.

2:31 PM  
Anonymous Silvia said...

:)Scritta in fretta e male, ma spero di aver reso l'idea.
Oggi sono uscita a pranzo con un mio amico e abbiamo parlato di futuro.
Avevamo entrambi le scarpe al collo:)
Malgrado tutto.

5:32 PM  
Blogger 郭富城Jason said...

cool!i love it!AV,無碼,a片免費看,自拍貼圖,伊莉,微風論壇,成人聊天室,成人電影,成人文學,成人貼圖區,成人網站,一葉情貼圖片區,色情漫畫,言情小說,情色論壇,臺灣情色網,色情影片,色情,成人影城,080視訊聊天室,a片,A漫,h漫,麗的色遊戲,同志色教館,AV女優,SEX,咆哮小老鼠,85cc免費影片,正妹牆,ut聊天室,豆豆聊天室,聊天室,情色小說,aio,成人,微風成人,做愛,成人貼圖,18成人,嘟嘟成人網,aio交友愛情館,情色文學,色情小說,色情網站,情色,A片下載,嘟嘟情人色網,成人影片,成人圖片,成人文章,成人小說,成人漫畫,視訊聊天室,性愛,a片,AV女優,聊天室,情色

3:55 AM  
Blogger lin said...

AV,無碼,a片免費看,自拍貼圖,伊莉,微風論壇,成人聊天室,成人電影,成人文學,成人貼圖區,成人網站,一葉情貼圖片區,色情漫畫,言情小說,情色論壇,臺灣情色網,色情影片,色情,成人影城,080視訊聊天室,a片,A漫,h漫,麗的色遊戲,同志色教館,AV女優,SEX,咆哮小老鼠,85cc免費影片,正妹牆,ut聊天室,豆豆聊天室,聊天室,情色小說,aio,成人,微風成人,做愛,成人貼圖,18成人,嘟嘟成人網,aio交友愛情館,情色文學,色情小說,色情網站,情色,A片下載,嘟嘟情人色網,成人影片,成人圖片,成人文章,成人小說,成人漫畫,視訊聊天室,性愛,a片,AV女優,聊天室,情色

8:30 AM  
Blogger Shopping Blog said...

So, even though the links of london wedding attire is given the prime links jewellery focus, it is important to look into links of london uk issues like the choice of hair and make-up, cheap links of london shoes that compliment the attire and links london jewellery other such seemingly trivial yet very cheap watch charm important details.Things to Look Out for friendship bracelets by choosing, shoes that compliment your sweetie bracelets uk wedding attire perfectly. Make sure to not only Links london Chains focus on the look of the shoe but to also pay links london pendants attention to the material of the shoe.

6:37 AM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home