martedì, maggio 26, 2015

[piccole cronache senza vergogna / delitti imperfetti]

































Hai tirato fuori questa cosa del viaggio a tavola, e mi si è chiuso lo stomaco. Poi, mi hai trascinato in un negozio di valige, vuoi che andiamo in uno di questi posti romantici dove parlano tutti con la erre moscia, ma serve un trolley che contenga un mio cambio e il tuo armadio per intero. Fino a questa stronzata del viaggio è stato tutto perfetto, ma io lo so, tra un po' te ne uscirai fuori con cose come: fanfarotto, cagnolotto, biscotto, paperotto, patato, ciccio, dido, dodo, dundo, gnappo, lollo, foffo, picciu, pipo, gigio, floffo, trottolo, micio, micione, panzerotto, saccottino, pisello, tato, toto, pupi, bimbo, batuffolo, brontolo, topolo e caccolo, facendo una vocina da bambina ritardata. E a me, allora, verrà voglia di farti a pezzi e metterti in una valigia come tutte le altre. E anche se poi mi beccano, dopo aver sentito quell'elenco di nomignoli le attenuanti generiche arriveranno a pioggia sai, seminfermità mentale temporanea e la solidarietà della stampa e dell'opinione pubblica faranno il resto. Insomma sei mesi dentro e poi con la buona condotta tre annetti di domiciliari non me li leva nessuno. Una volta uscito, con un po' di culo e un agente come cristo comanda potrei puntare anche al nobel per la pace. Certo, un poco ti amo eh, e poi hai due tette da farti sanguinare il naso... "Allora paperotto, che dici, prendiamo questo?..."


"No, no, questo è troppo piccolo, prendiamone uno più grande."

5 Comments:

Blogger amanda said...

la domanda sorge spontanea: ma se le altre volte non l'hanno scoperto, perché pensa che succederà questa volta?

11:00 AM  
Anonymous e.l.e.n.a. said...

un vero sentimental journey ...

11:25 AM  
Blogger hobbs said...

Amanda: beh, non lo da per certo, dice: "E anche se poi mi beccano..." ma per la legge dei grandi numeri, prima o poi... :)

2:18 PM  
Blogger hobbs said...

elena: mooolto sentimental....

2:21 PM  
Blogger albafucens said...

^ _ ^ caspiterina la lotta è dura tra cotanti nomignoli... uhm vediamo come potrei chiamarti? nell’indecisione...

che paperotto fanfarotto e foffo che sei, appena ti faccio le vocine e ti chiamo: patato... saccottino... panzerotto gigio mio bello, micio micione qui... qui... ^ _ ^ che dici compriamo questo di trolley? Tu arrivi trottolo come un dodo, con quel tuo passo cadenzato da gnappo un po’ floffo, sei pure un po' brontolo, ma poi mi basta farti due moine ciccio/picciu/pipo pupi e qualche grattino che diventi subito un batuffolo,un amore di cagnolone plasmabile come il dido’, dai che poi a casa per ricompensarti e ringraziarti ti dò un bel biscotto, e sei fai il bravo bimbo forse ti faccio sbirciare nella scollatura – guardare e non toccare però - contento tato/toto? Ora però e che caccolo, dai che mi sono stufata di essere trascinata, seguirti in giro per negozi, dundo... riportami a casa più lollo che puoi con la nostra simca 1300 verde pisello.

vabbè tanto non mi vedi, comunuqe mi autoingliggo 10 minuti di vergogna :)

3:19 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home