martedì, luglio 08, 2014

[foto 90/ con destrezza]



È questo, alla fine. Chiedersi con poca voce se sia stato più coraggioso non cambiare [e questo ti ha permesso di riconoscermi senza fatica] o diventare altro, e non parlo del trucco pesante o di un vestito che non ti somiglia, che non ricorda [ed io ho dovuto guardarti a lungo, invece]. [Ma] essere complici, per te, era sincronizzare gli orologi fuori dalla banca e farmi fare il palo tutte le volte che mi fregavi [al mattino], che origliare la combinazione a chi parla nel sonno e t'ama, senza passamontagna, senza vergogna, è roba da professionisti. "Roba che non si dimentica sai, come andare in bicicletta" dicevi aggiustandoti i fianchi nel raso, dopo. È questo alla fine. Sapere oggi come allora, che mi ruberai tutti gli sguardi senza restituirmene nemmeno uno. E nel dubbio, bambina, lascio il motore acceso.

5 Comments:

Anonymous e.l.e.n.a. said...

solo le cose prestate (a volte) si restituiscono. quelle rubate no.
talvolta le puoi ritrovare, al limite, al banco dei pegni (d'amor perduto).

4:27 PM  
Anonymous Anonimo said...

...si', meglio lasciare il motore acceso.
Meglio avere un piano di riserva.
Meglio tenersi una via di fuga sempre aperta...

12:08 AM  
Blogger hobbs said...

elena: quanto hai ragione...

5:41 PM  
Blogger hobbs said...

anonimo/a: se fai il palo, è meglio di si..

5:42 PM  
Anonymous Anonimo said...

eh, gia'! Tu avvisi gli altri...ma che avvisa te??

10:47 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home